Blogging

Blefaroplastica laser, come ringiovanire lo sguardo

blefaroplastica-laser

I segni del tempo che passa inesorabilmente e quelli causati da agenti esterni, come l’esposizione ai raggi solari o uno stile di vita non corretto, fanno apparire il viso stanco ed invecchiato.

Gli occhi sono un punto focale dell’espressività e, per questo, molte persone decidono di sottoporsi ad un intervento di  blefaroplastica che consente di riavere uno sguardo nuovamente giovane. Questo intervento, infatti, va ad eliminare la pelle in eccesso della  palpebra superiore, che tende a cedere verso il basso andando a coprire le ciglia o va a rimuovere il grasso situato nella palpebra inferiore, le classiche ed antiestetiche “borse”.

Grazie alla blefaroplastica gli occhi saranno aperti e vivaci e il viso in generale ritroverà la sua armonia.

Inoltre, è possibile dire addio alle rughe ed altri inestetismi della zona perioculare, anche con metodi poco invasivi come la blefaroplastica laser

Si tratta di una tecnologia diffusa in medico da tanti anni. Non solo nella dermatologia, dove con il laser si curano varie malattie e disturbi della pelle, ma anche nel campo della medicina estetica in cui il laser viene utilizzato con successo per eliminare alcuni  inestetismi, come rughe sottili, macchie cutanee (sia senili che solari), piccole cicatrici da acne, ecc.

Insomma, la blefaroplastica laser è di sicuro un’ottima alternativa all’intervento tradizionale. L’importante, però, è affidarsi allo specialista giusto scegliendo un Chirurgo Estetico che abbia esperienza in merito.

La tipologia di laser indicato è quello che utilizza CO2 (ad anidride carbonica), sia frazionato o ultrapulsato, oppure il laser Erbium.

Il laser viene prodotto da un macchinario che emette un raggio di luce ad alta intensità (il laser, appunto) che poi viene direzionato con precisione nel punto da trattare. Si tratta di un’intervento davvero rapido e veloce: infatti, la blefaroplastica laser viene eseguita in regime ambulatoriale ed ha una durata media che va dai 30 ai 60 minuti circa.

Una volta che il laser penetra nella cute, la sua luce viene assorbita dall’acqua presente nelle cellule dell’epidermide causandone la morte. Quindi, gli strati superficiali della pelle sulla quale si creeranno poi delle microlesioni proprio a causa dell’azione del laser vengono vaporizzati.

In questo caso, i risultati saranno graduali e rughe ed altri inestetismi tenderanno a scomparire con il tempo perché l’obiettivo è quello di promuovere la nascita di nuove cellule e stimolare la produzione di nuovo collagene. Il risultato è una pelle che sarà visibilmente  liscia, compatta e più giovane.

Rispetto all’intervento tradizionale, la blefaroplastica laser è sicuramente meno invasiva e può offrire una guarigione decisamente rapida: si avrà un leggero arrossamento e si dovrà applicare una crema antibiotica per circa 1 settimana dall’intervento. Grazie all’abilità dello specialista ed all’utilizzo di tecnologie di ultima generazione, inoltre, il laser assicura un’estrema precisione dell’are da trattare.

Anche la preparazione alla blefaroplastica laser è più rapida: basta seguire qualche accorgimento, come applicare delle creme apposite per far si che lo strato superficiale della cute diventi più sottile ed evitare l’esposizione solare per almeno 30 giorni prima del trattamento.

Chi vuole uno sguardo giovane, può farlo senza bisturi. La blefaroplastica laser è molto efficace, come quella blefaroplastica chirurgica, ma non è sempre indicata. Anche in questo caso il consiglio di uno specialista esperto potrà fare la differenza.

Per conoscere anche altri trattamenti con il laser e per approfondire il tema della medicina estetica, si possono seguire i canali social (Facebook – Instagram – YouTube – LinkedIn– Spotify) del dottor Juri TassinariMedico specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica.

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *