Blogging

Le agevolazioni fiscali per le startup innovative

natalina gatti commercialista esperto startup innovative

Natalina Gatti è una commercialista esperta in startup innovative che da tempo si occupa di portare al successo queste realtà imprenditoriali. Nella sua lunga esperienza più volte si è ritrovata alle prese con imprenditori che non hanno potuto godere di alcune agevolazioni fiscali previste perché, purtroppo, non avevano avuto una consulenza professionale.

Affidarsi ad un commercialista esperto in startup è il primo passo per chi desidera avviare questa impresa perché, oltre ad avere il supporto in tutte le fasi di questo processo, dalla validazione alla presentazione del prodotto o del servizio sul mercato, potrà anche consigliare al meglio per ottenere le agevolazioni fiscali.

Per le startup innovative, infatti, la normativa italiana e comunitaria prevede alcune agevolazioni fiscali, sia per quanto riguarda le persone fisiche, cioè gli investitori, sia per le imprese che desiderano immettere del capitale in startup o nelle aziende innovative.

Le startup innovative possono usufruire di un regime agevolato per 60 mesi a partire dalla data di costituzione dell’impresa. Bisogna fare attenzione però,  e qui entra in gioco la consulenza di un commercialista esperto in startup, perché se non vengono presentati i documenti necessari questo privilegio si esaurisce dopo dopo 12 mesi.

Detrazione fiscale IRPEF 50% per persone fisiche

La detrazione IRPEF è introdotta dal 1 gennaio 2020 e ha un importo pari al 50% della somma investita nel capitale sociale di una o più start-up o PMI innovative. Non è valida per le imprese, ma esclusivamente per le persone fisiche e si applica per gli investimenti diretti o quelli eseguiti attraverso organi di investimento collettivo del risparmio.

Per richiedere questa agevolazione fiscale è necessario però rispettare alcuni requisiti che solo un commercialista esperto in startup può conoscere e può quindi consigliare al meglio, oltre ad inoltrare una domanda al Ministero dello sviluppo economico.

Inoltre, questa agevolazione ha dei limiti da rispettare, sia a livello fiscale che temporale per cui, è necessario farsi seguire da un commercialista esperto in start up innovative.

Detrazione fiscale IRPEF 30%

Questa agevolazione, al contrario di quella precedente, può essere richiesta anche dalle imprese che non rientrano nel regime de minimis, ed è valida anche per investimenti consistenti (il limite è di 1 milione di euro, per un risparmio in 12 mesi di che può arrivare a 300 mila euro).

La detrazione IRPEF 30% è prevista dalla UE, ma lo Stato italiano dovrebbe prorogarla fino al 2025. Pur non avendo bisogno di una domanda preventiva, questa agevolazione viene concessa dopo una valutazione caso per caso, per cui affidarsi ad un commercialista esperto in startup è la soluzione migliore.

La deduzione fiscale IRES 30% per le imprese

Questa agevolazione, invece è riservata alle imprese. Nello specifico, è destinata alle imprese che investono in startup innovative con una deduzione pari al 30% dell’ammontare investito e si considera il reddito imponibile e non l’imposta lorda.

Perché affidarsi a un commercialista esperto in startup

Investire in una startup innovativa può determinare un grande beneficio fiscale, ma è importante farsi seguire da un commercialista esperto in startup per potersi orientare al meglio tra le diverse deduzioni previste.

In generale, le agevolazioni previste per le startup sono diverse. Ad esempio, se si opera su una piattaforma di Crowfunding anche in questo caso esistono investimenti agevolabili.

Tuttavia, poiché quando si parla di agevolazioni fiscali per le startup ed investimenti ci sono tempi e modalità ben precise da rispettare, il consiglio migliore è quello di affidarsi a un commercialista esperto in startup innovative, come Natalina Gatti diventata ormai un punto di riferimento per gli imprenditori e non solo.

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *